Clicca qui per Opzioni Avanzate


Archive for April, 2008

La Dipendenza Finanziaria della BCE

April 28th, 2008 by Leonardo

-

 

 

di Leonardo, Ihc

 

In un precedente articolo ho sottolineato i legami politici della BCE, che in linea di principio minano di quest’ultima la vantata indipendenza. Adesso intendo completare il quadro degli aspetti istituzionali della BCE (e del Sistema Europeo delle Banche Centrali, SEBC) che a mio giudizio pongono importanti limiti alla sua decantata autonomia operativa, rendendo alla fine la BCE un “agente statale” (che siano Stati nazionali o un corpus sovranazionale dai primi originato e composto).

Nel pezzo precedente ho sottolineato l’origine direttamente politica delle nomine, e di parte degli obiettivi del SEBC; in questo mi focalizzo sull’aspetto finanziario dell’assetto istituzionale della BCE, con riferimento essenziale al lavoro di BuiterHow robust is the new conventional wisdom? The surprising fragility of the theoretical foundations of inflation targeting and central bank independence” del 2006.

Continua a leggere l’articolo

Se Non Vi Sono Bastati Socialismo e Nazionalismo…

April 21st, 2008 by Leonardo

-

 

di Leonardo, Ihc

 

Continuo l’esposizione della visione LaRouchiana commentando alcune delle soluzioni al “fallimento della globalizzazione” di cui il sito www.movisol.org si fa portavoce in Italia.

Sul sito si trovano sette punti programmatici quale risposta alla “urgenza di un nuovo ordine economico mondiale più giusto”. Il problema di quale sia il parametro di “giustizia” preso come riferimento è evidente, ed implica un giudizio etico o morale, in altri termini politico; dalle proposte avanzate, anche per quanto discusso in precedenza, io dedurrei un’etica alquanto elettorale. In ogni caso vale la pena approfondire riprendendo la discussione da dove si era fermata nel precedente articolo.

Continua a leggere l’articolo

BCE Istituzione Indipendente? Parliamone

April 14th, 2008 by Leonardo

-

 

di Leonardo, Ihc

 

L’idea di una Banca Centrale indipendente è uno dei capisaldi dell’Unione Europea (UE); il fatto che il modello di riferimento sia stato la Bundesbank è un segnale di continuità della sua reputazione anti-inflazionistica, elemento che ha fortemente pesato nella scelta italiana di far di tutto pur di “entrare” da subito “nell’euro”.

 

Andrea B., attento lettore di questo sito, dopo avermi un po’ mazzolato per la sparata di un target della BCE sul tasso di cambio ad 1.5 (limite caduto abbastanza rapidamente), espone il piacere di aver qualche chiarimento sulla diatriba riguardante l’effettiva indipendenza della Banca Centrale Europea (BCE).

 

Riguardo al target, posso dire che una restistenza tecnica tra 1,49 e 1,50 è stata riconosciuta anche da qualche trader, ma appunto poteva essere semplicemente una resistenza fissata dal mercato e non dalla BCE (o dalla Fed); d’altra parte da dicembre scorso Fed e BCE si sono lanciate in un programma di currency swap (come da questo documento segnalatomi da Prometeo) che almeno in parte “risolve” il rischio di cambio, per cui si perde un po’ la ragion d’essere del target da me supposto (a parte le lagne di Sarkò). Proverò a tornare sull’argomento in futuro.

Riguardo l’indipendenza sostanziale o meno della BCE, non posso essere io a risolvere una questione dibattuta a più alti livelli, però posso fornire gli elementi che mi fanno pensar a una indipendenza per lo meno “limitata” o meglio “condizionata” al fatto che “tutto proceda bene”. Cominciamo dall’aspetto strettamente istituzionale.

Continua a leggere l’articolo

Avanzano le Idee Protezionistiche

April 7th, 2008 by Leonardo

-

 

di Leonardo, Ihc

Prendo il titolo del pezzo da una frase della mail con cui il gentilissimo Enzo C. mi porta a conoscenza del sito www.movisol.org e delle bislaccherie (per me, per carità) che professa. Dal vasto insieme di segnalazioni che mi ha offerto Enzo, prendo in esame quando indicato nel sito tra “Le misure necessarie per fermare la crisi economica”.

 

Prima di commentare i punti per me più indicativi della distorsione interpretativa della realtà che il “Movimento Internazionale per i diritti civili – Solidarietà” diffonde tramite il suo sito, credo sia utile puntualizzare che le riflessioni in materia economica proposte partono dal pensiero dell’economista e leader democratico americano Lyndon LaRouche. Chiaramente uno si sceglie i riferimenti che preferisce, ma io non sottovaluterei la possibilità che LaRouche stia cercando di accaparrarsi un certo consenso politico pro domo sua toccando un po’ furbescamente i nervi scoperti di almeno parte del popolo americano, con il rischio di avanzare proposte contradditorie o non sufficientemente ancorate alla teoria economica (come succede nella politica italiana, tra l’atro).

Perché questa precisazione? Perché per me sotto c’è appunto del furbesco, e non una vera proposta di innovazione dell’ordine finanziario mondiale come viene professato. Chi legge valuterà la bontà delle proposte.

Continua a leggere l’articolo

Sondaggino: Il Significato di Pizza

April 3rd, 2008 by Leonardo

-

Chiamo tutti gli (e-)lettori a esprimere un’opinione sull’ultimissimo fatto di cronaca politica!

 

 

 

[poll=17]