Clicca qui per Opzioni Avanzate


Archive for July, 2008

La UE Ha il Suo Club Med!

July 28th, 2008 by Leonardo

-

 

di Leonardo, Ihc

 

È finalmente nata l’Unione del Mediterraneo (UMED), una nuova organizzazione che raccoglie i paesi del Sud Europa, del Magreb, e parte dell’Asia Minore, che insieme alla UE in un certo senso ricompatta l’impero di Traiano (con l’aggiunta della non più barbara Scandinavia). Dopo l’osanna di rito alla grandeur del Gallo Sarkozy, possiamo chiederci a che serve questo Club Med e se ce ne fosse bisogno.

Alcune interpretazioni vedono questo sfrozo diplomatico come una trovata praticamente ad uso e consumo della Francia, motore del processo, volta a farle attribuire un peso internazionale maggiore che possa venire speso in ambito UE. Chiaramente è troppo poco come spiegazione.

Continua a leggere l’articolo

Sovvenzionatemi il feudo, proles!

July 22nd, 2008 by Leonardo

-

di Leonardo, Ihc

 

Ti pareva, piangono tutti miseria, perché non anche loro, gli esponenti del settore più protetto e sovvenzionato della (è il caso di dirlo) Terra? Portavoce è Luigi Marino, presidente della Confcooperative (agricoltura e cooperative, che connubio!) in un articolo di LiberoMercato del 17/07/08. La bellezza di questo pezzo è la combinazione delle affermazioni, il cui unico scopo credo sia lanciare un avvertimento alla Politica mettendo in palio i propri voti, ma questo è sicuramente solo una mia malignità.

Continua a leggere l’articolo

Un anno di Sub-prime

July 20th, 2008 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

Su Giornalettismo.com è stato pubblicato il pezzo "Crisi, un anno dopo: erano solo Sub-prime?", dove riassumendo le dimensioni che finora ha avuto un fenomeno più volte a livello ufficiale dichiarato "marginale" se non addirittura "ormai superato", e sulla scorta della teoria austriaca del Ciclo Economico, concludo rapidamente trattarsi di una crisi "prime".

Niente di nuovo sotto il sole, ma valeva la pena ripetere che esistono interpretazioni della congiuntura che attribuiscono una dimensione sistemica a quel che sta avvenendo, facendo risalire le responsabilità a precisi soggetti istituzionali invece che a una "casuale" combinazione di eventi. Il sistema finanziario mondiale può essere fragile, ma quanto sta accadendo non può essere conseguenza di un qualche evento accaduto in un angolo del mondo; le fondamenta del castello di carta della finanza mondiale erano marce dall’inizio.

“Non Perequare”

July 17th, 2008 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

Su Giornalettismo.com è stato pubblicato il pezzo "Quando si crea disuguaglianza in virtù della perequazione", una veloce riflessione, teoria economica alla mano, sul perché il Sud Italia industrialmente arretrato è pure la parte più inflazionata dello Stato.

Il punto è semplice: se non vale l’illusione keynesiana per cui un incremento della domanda per creare nuova offerta, il risultato di una perequazione reddituale diventa solo pressione di domanda di beni di consumo, e quindi inflazione. Questa per me è una riflessione che deve venire prima del dibattito sul federalismo e sulle necessità di suoi "correttivi". Il problema è comunque vasto, come si vede anche da qui, ma non è una ragione per ignorare questo punto di vista.

Fanta-Econo-Geo-Politica: la Minaccia Cinese agli USA

July 14th, 2008 by Leonardo

-

 

di Leonardo, Ihc

L’articolo “Ben not so fearful” pubblicato da Prometeo non trova molto le mie simpatie, perché il caro Prometeo analizza la realtà sempre in un’ottica “cospirazionista” che io non condivido. Come già detto a lui stesso, non condivido perché imporrebbe un grado di lucidità macchinazione e controllo degli eventi che non ritengo proprio delle attuali organizzazioni statali o trasversali, ma allo stesso tempo non sono in grado di smentire completamente le sue teorie, perché, avesse reagione lui, le strategie sarebbero così sottili e subdole da risultare essenzialmente inidentificabili.

Il succo dell’articolo è che Ben Bernanke ha proditoriamente guidato il dollaro verso un importante deprezzamento in modo da evitare, rendendolo controproducente, l’imminente attacco valutario da parte della Cina.

Continua a leggere l’articolo