Clicca qui per Opzioni Avanzate


Archive for March, 2010

Se Svalutassimo… Quanto Dovremmo?

March 29th, 2010 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

 

La crisi greca ha richiamato uno dei cavalli di battaglia degli anti-euro: l’impossibilità di “svalutazioni competitive”. L’Italia è campata fino all’euro grazie (“grazie” lo dicono loro!) alla possibilità di spostare giù periodicamente il valore della lira rispetto alle altre valute (tramite il sistema di cambi fissi attorno al marco tedesco). Il gioco sui tassi di cambio era una spia di certi squilibri interni; magari riuscire a valutare “quanto” dovremmo svalutare oggi potrebbe rivelare qualcosa dello stato di salute dei vari Paesi.

Continua a leggere l’articolo

Sirtaken!

March 22nd, 2010 by Leonardo

-

di Silvano, IHC

 

Sono trascorse oramai numerose settimane dall’inizio della crisi greca. Accanto all’iniziale dilemma "to bail or not to bail" si è affiancata la proposta per la costituzione di un Fondo Monetario Europeo, magari finanziato dall’emissione di Union Bund – pardon Bond, come precedentemente ipotizzato (vedi IHC). Ultimamente però non passa giorno senza che qualche rivista e/o accademico e/o politico tedesco manchi di ricordarci con teutonica saccenza quanto siano bravi loro e stronzi tutti gli altri (questo la stampa), oppure tutti i rischi derivanti dagli squilibri delle partite correnti tra soggetti della stessa area monetaria (questo i professori), oppure ancora l’insofferenza del ligio contribuente germanico a pagare i debiti altrui (questo i politici). La cosa comincia a dare un po’ fastidio, o quantomeno a puzzare. Non che i tedeschi non abbiano le loro buone ragioni, però ancora non mi è capitato di udire grida di protesta a proposito degli azzardi morali compiuti da parte dei sistemi bancari dei c.d. “paesi forti” all’interno dell’eurozona.

Continua a leggere l’articolo

CDS: Confondere Distrarre Sviare

March 17th, 2010 by Leonardo

-

 

di Leonardo, IHC

 

Mi innesto nel filone di discussione già partecipato da fonti ben più autorevoli: i CDS. L’argomento è stato affrontato da Seminero e Giannino utilizzando anche (il primo) riferimenti molto tecnici alle tecniche di copertura; tale approccio evidenzia che un politico qualunque difficilmente potrà capire di cosa sta parlando, e che la stampa più comune non è in grado di esporre adeguatamente il problema, ergo all’uomo della strada non può arrivare un’informazione completa e diviene manipolabile.

L’argomento è stato affrontato ottimamente anche dal nostro Silvano, con tanto di critica all’informazione ufficiale, dallo stesso poi richiamata in commento al pezzo di Seminero.

Continua a leggere l’articolo

La UE Va fino in Fondo… Monetario

March 15th, 2010 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

 

Grandiosi! Finalmente una vera idea per una nuova Unione Europea: se il Fondo Monetario Internazionale (FMI) sta cambiando faccia  forse incamminandosi in un sentiero un po’ “erratico” se non “eretico” (si veda questo recente pezzo su IHC, cui vanno aggiunte altre considerazioni), perché non inventarsi un bel Fondo Monetario Europeo?

Io direi che l’argomento è già stato ben trattato su Chicago Blog nei pezzi di Giannino e Falasca, cui andrebbe però aggiunto il rilancio di Schäuble (Ministro delle Finanze tedesco) sul Sole24Ore del 13/3; chiaramente il vostro affezionatissimo ci vuol mettere il becco e tentare una sintesi delle informazioni, una ulteriore interpretazione, e uno sguardo un po’ più in là rispetto ad esempio all’attualità greca.

Continua a leggere l’articolo

Ciddiesse Ignudi (“Naked CDS”, for Friends)

March 10th, 2010 by Leonardo

-

di Silvano, IHC

 

Correva l’anno 2010 quando l’Attica intera sotto il regno di Papandreu III, figlio di Papandreu II,  nipote di Papandreu I, membro della famiglia dei Pasok, ramo ellenico della più vasta genia dei socialisti d’Europa, si trovò coinvolta in una pesante crisi finanziaria.

Sulla stampa cominciò ad apparire con maggiore frequenza un nuovo e arcano acronimo colpevole di tutti i mali dei buoni governi

Continua a leggere l’articolo

Valzer di Strauss per il FMI

March 3rd, 2010 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

 

Il FMI si è trovato, per un po’ di tempo, seduto in disparte e pure deriso per il suo passato. Ma Strauss sta scrivendo un gran valzer perché il FMI torni a ballare là, sulla scena, in primo piano, con l’approvazione quanto più vasta possibile di Governi e guru dell’economia. Chiaramente lo Strauss in questione non è nessuno della famiglia di musicisti viennesi, e neppure il tedesco Richard, bensì Dominique Strauss-Kahn, e il valzer in questione non ha niente a che vedere con l’arte tersicorea, bensì riguarda il divincolarsi delle posizioni del Fondo (e del capo della ricerca, Blanchard) dalle storiche posizioni liberiste (mah!) per flirtare con posizioni più “aperte” e “possibiliste” verso una politica economica più attiva e, si può dire, keynesiana.

E con questo, siamo completi.

Continua a leggere l’articolo