Clicca qui per Opzioni Avanzate


Archive for August, 2013

Il Potere: una Spiegazione Austriaca

August 27th, 2013 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

 

Il vostro affezionatissimo ha partecipato per voi lettori di IHC (non è vero una sega, l’ho fatto solo per me) alla presentazione del libro di Lorenzo Infantino “Potere, la dimensione politica dell’azione umana”. A presentare il libro c’erano, insieme a Infantino, il giornalista Stellino ed il filosofo Cubeddu. Il libro è stato presentato come una specie di “tassello mancante” nella letteratura liberale e ancor più “austriaca”. Credo che il libro meriti una lettura da parte di tutti; nel frattempo (o in mancanza) voglio raccontarvi la visione che ne ho personalmente ricavato.

Continua a leggere l’articolo

Scorie – Bolle‏

August 26th, 2013 by Leonardo

-

di Matteo Corsini

 

"La politica monetaria è un’arma spuntata per affrontare i problemi dei mercati delle attività. In assenza di inflazione, sono stati soprattutto gli allarmi su nuove bolle speculative che hanno spinto la Fed a ridurre i suoi acquisti di titoli a lungo termine… È giusto preoccuparsi delle bolle, ma… le bolle devono essere un problema degli organismi di vigilanza. Le banche centrali non possono permettersi di ignorarle, ma devono fare molta attenzione a non reagire troppo in fretta. Hanno cose più importanti a cui badare". (B. Eichengreen)

Barry Eichengreen, professore a Berkeley, ha criticato il recente operato della Fed e anche della banca centrale cinese. In entrambi i casi, a suo parere, hanno fatto mosse che sono state maldestre, causando un brusco rialzo dei tassi, a lungo termine nel primo caso e interbancari nel secondo. In realtà sono poi tornate sui loro passi successivamente.

Continua a leggere l’articolo

Prendere o Subire Decisioni – Ricordi da un Seminario

August 19th, 2013 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

 

Il 23 aprile sono stato ad un seminario organizzato dalla Bocconi “Prendere le decisioni o subire le decisioni”, cui partecipavano Parisi (fisico), Rizzolati (neuro-scienziato), e Tabellini (economista). Complessivamente ho trovato l’incontro deludente, ma ne ho comunque tirato fuori qualche spunto.

Nell’ordine: Parisi ha parlato della trasmissione delle informazioni e della ricerca “dell’ottimo” come dipendente dalle procedure; Rizzolati ha parlato dei condizionamenti inconsci delle scelte attraverso i “memi”; Tabellini ha parlato delle limitazioni dei metodi formali di ricerca/determinazione di un equilibrio. Il tutto per concludere che nessuno ci capisce abbastanza, ma forse un pianificatore centrale ne sa di più.

Continua a leggere l’articolo

Il Buon Senso di Rajan: l’Economia agli Economisti

August 12th, 2013 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

 

Spero che a pochi sia sfuggito l’articolo di Raghuram Rajan (economista, recentemente nominato Governatore della Banca Centrale indiana) sul Sole24Ore del 09/08 u.s., perché altrimenti vi consiglio di andarvelo velocissimamente a leggere (Il buon senso degli economisti).

Sostanzialmente l’articolo è articolato in due parti, una lunga sull’assenza di un consensus teorico in ambito economico, ed una corta sul basso livello del dibattito pubblico su temi economici. La parte più interessante è la seconda.

Continua a leggere l’articolo

Quando il Treno si Fermò… Economia da Strada

August 7th, 2013 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

 

Un bel giorno il treno si fermò. Anzi, nemmeno partì. La linea ferroviaria che percorro per andare a lavoro fu bloccata a causa di un incidente mortale, il che significa sopralluoghi e rilievi per minimo un paio d’ore. A questo punto si è aperta, come succede ogni volta, una situazione di incertezza: aspettare? Desistere? Cercare una alternativa? Mi sono fatto trascinare un po’ dagli eventi, ma tutto d’un tratto mi è sovvenuto un pensiero “economico”, ho razionalizzato la situazione e… ho deciso di osservare il comportamento delle persone. Vi racconto gli eventi.

Continua a leggere l’articolo

Scorie – Salvataggi Tecnici‏

August 5th, 2013 by Leonardo

-

di Matteo Corsini

 

"In una economia di mercato in cui la proprietà è privata definire quale è il disegno del mandato del manager non è difficile: l’obiettivo del manager è quello dei suoi azionisti, vale a dire la massimizzazione del profitto… i politici sono fisiologicamente inclini alla distorsione, in quanto il loro orizzonte temporale è quello del breve periodo ed il loro calcolo non si basa su valori economici, ma appunto politici, essendo l’obiettivo quello di essere eletti o rieletti. Quindi, entrando nelle banche tendono anche a peggiorare le regole del gioco… Quindi l’efficacia del progetto europeo ha come condizione necessaria non solo che l’ESM abbia il pieno controllo dell’operato dei manager, ma anche che non vi sia alcuna presenza dei governi". (D. Masciandaro)

 

Commentando in senso critico i salvataggi bancari con sostanziale nazionalizzazione operati da alcuni Stati dal 2008 a oggi, Donato Masciandaro ha scritto alcune cose che ritengo condivisibili e anche difficilmente controvertibili.

Continua a leggere l’articolo

Prezzi (e Salari) Rigidi? Giusto Così

August 2nd, 2013 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

 

Ero convinto di aver già scritto qualcosa su questo, ma non l’ho ritrovato. In compenso ho giusto letto un contributo terzo che in qualche modo mi conforta. L’argomento è la rigidità dei prezzi, ed il contributo nuovo è estrapolato da un passaggio di un diverso ragionamento di Catalàn (qui). Il movente di questo pezzo sta in alcune affermazioni di altri che non nomino, che trattano la rigidità nominale verso il basso dei prezzi e soprattutto dei salari un po’ come fosse una “teoria” a sé stante in grado di spiegare alcuni “malfunzionamenti” dell’economia e giustificare alcuni interventi di politica economica.

Una certa rigidità non si può negare; farne una teoria o comunque trattarlo come un “fallimento” da correggere a mezzo di interventismo è però tutto un altro paio di maniche.

Continua a leggere l’articolo