Clicca qui per Opzioni Avanzate


Archive for June, 2014

Immigrazione e Rispetto: le Contraddizioni dell’Occidente

June 30th, 2014 by Leonardo

-

di Santo Scarfone

 

È il 29 settembre 2001. Sul Corriere della sera appare un articolo destinato a diventare un pezzo di storia del giornalismo italiano. Il titolo è "La rabbia e l’orgoglio", lo stile inconfondibile quello di Oriana Fallaci. La tesi contenuta al suo interno è semplice: quando noi (gli occidentali) andiamo all’estero rispettiamo le tradizioni e i costumi del posto, cosa che loro (gli orientali) non fanno quando vengono da noi. Questa idea si è diffusa negli anni all’interno del tessuto sociale, anche grazie al contributo letterario della stessa Fallaci. Ma corrisponde alla realtà?

Continua a leggere l’articolo

Spesa e Spesa e Spesa a Tutti i Costi: ce lo Chiede il PIL

June 26th, 2014 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

 

La mia dolce metà ha recentemente, con viva e vibrante soddisfazione di entrambi, preso parte ad un favoloso incidente che a carambole terminate ha contato n.5 persone, n.3 automezzi, n.1 muri e n.1 cartelli stradali coinvolti (pedoni non pervenuti). La mia (metà di) automobile è da buttar via. Uscita da ‘sto casino con l’inversione della lordosi delle vertebre cervicali, cosa mai la mia donna avrebbe potuto dirmi se non ma questo incidente, con quel che costerà di danni avvocati e rimpiazzo dell’auto, farà aumentare il PIL?.

Continua a leggere l’articolo

La Ripresa Non Arriva, si Costruisce

June 24th, 2014 by Leonardo

-

di Santo Scarfone

 

Il futuro non è scritto è un bel film del 2002 che racconta la vita di Joe Stummer, chitarrista e cantante dei The Clash. Ma il futuro non è scritto dovrebbe essere anche il modo di approcciare ai nostri problemi. Il futuro non è un traguardo immutabile che attende il nostro arrivo. Il futuro non è ciò che sarà, ma il risultato di ciò che faremo. Affermazione ancora più vera in campo economico. Il futuro economico di un Paese si plasma attraverso l’attività creativa degli imprenditori. Non esiste futuro se l’attiva imprenditoriale è assente.

Continua a leggere l’articolo

Eredità Zero (per il Vostro Bene)

June 20th, 2014 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

 

Una chiacchierata con il twittatore da battaglia @theExtremista mi ha ricordato l’ultima moda dei wannabe-liberali che imperversano nella rete: sostenere una tassa di successione al 100%. La ratio segue dal caposaldo liberale dell’uguaglianza dei punti di partenza combinato con la diversa ricchezza delle famiglie: dato che le opportunità sono maggiori per chi è più ricco, e che i figli dei più ricchi erediteranno più risorse, l’uguaglianza dei punti di partenza si ottiene facendo ereditare a tutti la stessa somma o più precisamente nulla. Mi dispiace urtare la sensibilità di alcuni amici, ma questa è nel migliore dei casi solo una applicazione del socialismo, e nel peggiore –  se qualificata come “liberale” – un’enorme stronzata.

Continua a leggere l’articolo

Non Sparate a Zero sulle Armi da Fuoco!

June 17th, 2014 by Leonardo

-

di Santo Scarfone

 

Dopo la sparatoria di pochi giorni fa in un liceo nell’Oregon, nella quale ha perso la vita uno studente, il presidente Obama ha chiesto nuovamente al Congresso di riflettere sulla necessità di norme più rigorose in materia di armi da fuoco. A differenza di quanto si crede da questa parte dell’Atlantico, il dibattito non ruota sullo scontro tra i buoni propositi dei due grandi partiti e le resistenze delle lobby delle armi. La questione è molto più complessa e vede fronteggiarsi all’interno della società americana due posizioni molto chiare e distinte tra di loro. Da una parte, ci sono coloro che vedono in una legge organica e rigorosa sul tema l’unica via d’uscita per contrastare l’elevato tasso di criminalità. D’altra parte, ci sono coloro che sono contrari a qualsiasi tentativo di limitare ciò che considerano il loro diritto di possedere armi da fuoco.

Continua a leggere l’articolo

Oltre la Curva di Laffer: le Intuizioni di Colombatto

June 11th, 2014 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

 

Il prof. Enrico Colombatto ha piazzato un interessante paper sulla Review of Austrian Economics (vol. 26, n.4) dal titolo An alternative to the Laffer curve: Theory and consequences (oggetto anche di seminario presso l’IBL). Ritengo che il modello grafico (in teoria formalizzabile algebricamente) elaborato possa divenire in futuro uno strumento per interessanti indagini su alcune evoluzioni culturali e loro interazioni con l’ambiente economico che differenziano ad esempio l’Italia dalla Germania e dalla Svezia. Qui cercherò di rendere sinteticamente il contenuto del paper che più mi interessa.

Continua a leggere l’articolo

Quote Rosa, Numeri e Perplessità

June 9th, 2014 by Leonardo

-

di Santo Scarfone

 

L’errore che commettono in tanti è di considerare la legge lo strumento più spontaneo per la risoluzione di un problema. Gli esempi in questo senso sono numerosi. Si registra un alto numero di morti bianche? Tutti a chiedere normative più stringenti in tema di sicurezza sui luoghi di lavoro. Il ricorso alla mediazione civile è troppo basso? La si rende obbligatoria per legge. Il PIL cala? Il governo è subito pronto a fantomatici "decreti per la crescita". Come tutti possono accertare, raramente questo modus operandi produce risultati positivi. Molto spesso, anzi, le conseguenze prodotte risultano nefaste. Ciò è dovuto al fatto che la forma mentis, la base culturale, non può essere modificata a colpi di legislazione.

Continua a leggere l’articolo

La Complessità della Conoscenza: Motore della Crescita

June 4th, 2014 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

 

Come già detto, mi sono imbattuto in due articoli interessanti che in qualche modo partono dalla fisica per arrivare all’economia. Dopo il primo (Tutto È Informazione) vengo al secondo: “Il potenziale nascosto dell’economia” di Margottini su Pagina99WE del 15/03 u.s.; questo articolo mi rende ancora più triste del primo, perché si parla di un pertinente lavoro di economia svolto dal fisico Luciano Pietronero (mentre gli economisti si masturbano attorno all’euro, alcuni pure rifiutando con sdegno la matematica).

La fisica della complessità prende un sistema (in genere biologico) come un tutt’uno, ragionando dei suoi meccanismi evolutivi. La capacità di rispondere all’ambiente competitivo e le risultanti caratteristiche evolutive dell’intero ecosistema (fitness) decretano quindi le quote di successo di ogni partecipante. Pietronero traduce questo in un concetto di “potenziale” dell’economia.

Continua a leggere l’articolo