Clicca qui per Opzioni Avanzate


Archive for the 'Politica' Category

La Ditta del Boss

June 29th, 2011 by Leonardo

-

di Silvano, IHC

 

Il sequestro e la confisca dei patrimoni dei membri appartenenti ad associazioni criminali rappresenta uno degli strumenti giuridici di contrasto dallo Stato nella lotta alla malavita organizzata. Sul sito del Governo italiano, al seguente link è riportato un grafico circa l’andamento delle “destinazioni” ovvero del numero dei beni prima bloccati e poi immessi nell’economia legale. Purtroppo la statistica è estremamente aggregata ed è abbastanza inutile per trarre conclusioni particolarmente dettagliate. Tuttavia può essere interessante fare alcune valutazioni di carattere economico sul rapporto mezzi–fini.

Continua a leggere l’articolo

Debito per Ricchezza – Quando e Perché?

June 28th, 2011 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

Ho poi letto “La malattia dell’occidente” di Panara, libro meta-commentato qui attraverso la recensione fatta sul Sole24Ore. Come scritto tra i commenti al mio pezzo, confermo tutto quanto scritto e casomai c’è da rilanciare.

Come ha sentenziato il malefico Rossano (già ospite in via indiretta su IHC, ad esempio qui e qui) “questo libro è un’ottima fotografia dello stato attuale, ma si guarda bene dal capirci qualcosa”. In effetti ammetto che qualche “foto” è proprio ben presa, come quella di un debito incentivato grazie ai tassi bassi in modo da sostituire la ricchezza, in calo, e permettere il mantenimento e o l’incremento dei consumi. Questo merita una veloce riflessione.

Continua a leggere l’articolo

Apaticamente Europa

May 18th, 2011 by Leonardo

-

di Silvano, IHC

Vincenzo Visco, in un articolo riportato sul Sole24Ore, effettua una analisi della crisi dei debiti sovrani europei e propone la creazione di un fondo targato UE per l’extra debito da rimborsare con una imposta sulle transazioni finanziarie. L’analisi è discutibile e la soluzione lascia piuttosto perplessi, sia in termini di fattibilità politica che di bontà economica, ma l’intervento ha il pregio di sollevare un problema reale: la sostenibilità politica del rigore di bilancio nella misura in cui questo è reso necessario dalla socializzazione delle perdite del sistema bancario.

Continua a leggere l’articolo

L’Ingiustizia Sociale nella Retorica dell’1% (parte II)

April 26th, 2011 by Leonardo

-

di Silvano, IHC

Torniamo a Stiglitz. Nell’articolo sulla concentrazione della ricchezza richiamato nel pezzo precedente egli mescola dati ad effetto con descrizioni tra il caricaturale e l’apocalittico di problemi reali: azzardo morale, influenza del potere economico su quello politico e vantaggi derivanti dalle connivenze con questo, iniquità causate da una finanza in grado di scaricare i proprio problemi sui contribuenti, etc. Tutti questi sono problemi concreti, reali e non eludibili ma ciò che stupisce è la retorica da tribuno della plebe e l’approccio giacobino con cui vengono elencati senza traccia di benché minima riflessione analitica. Un marxista sì, ma probabilmente neanche un neokeynesiano come Krugman arriverebbe a sottoscrivere un’affermazione di questo tipo sul marginalismo:

Gli economisti molto tempo fa hanno cercato di giustificare le grandi disuguaglianze che hanno portato tanti problemi durante la metà del 19° secolo, disuguaglianze che sono solo una pallida ombra di quello che vediamo oggi in America. Se ne vennero fuori con una giustificazione che ha preso il nome di "teoria della produttività marginale". In poche parole, questa teoria associa i redditi più alti con una maggiore produttività e quindi un maggior contributo alla società. È una teoria che è sempre stata amata dai ricchi. La prova della sua validità, tuttavia, rimane inconsistente.

Continua a leggere l’articolo

L’Ingiustizia Sociale nella Retorica dell’1% (parte I)

April 20th, 2011 by Leonardo

-

di Silvano, IHC

 

Quando Stiglitz espone la sua visione del capitalismo americano sulla rivista glamour Vanity Fair, argomentando come Bertinotti e facendo sembrare Krugman un moderato interventista liberale, significa che non siamo messi bene. Stiglitz non è semplicemente un accademico di successo che ha coronato la propria carriera con un premio Nobel. Capo dei consiglieri economici dal 1995 al 1997 durante la presidenza Clinton, Vice Presidente della Banca Mondiale fino al 2000, amico del finanziere George Soros, grazie alle cui fortune presiede l’INET (Institute for New Economic Thinking), Stiglitz è sicuramente annoverabile tra gli economisti, come uno dei più vicini alle élite politiche ed economiche del nostro tempo. Non è un outsider marginalizzato a causa di un pensiero eterodosso: per quanto esprima posizioni critiche sul capitalismo quand’anche sulla globalizzazione (o meglio sulla sua governance) lo fa come insider di prim’ordine. Per questo sono rimasto piuttosto stupito nel leggere il contenuto dell’articolo: denso di retorica e male argomentato, assomiglia ad un pezzo scritto per la pancia, la pancia degli interventisti.

Continua a leggere l’articolo

Sindacati e Giovani: una Nuova Colossale Presa in Giro

April 11th, 2011 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

 

Ah, meno male che ci sono i Sindacati, che con i loro interventi riescono ad aggirare le storture del mercato e instaurare sacrosante istanze di solidarietà tra soggetti economici, in particolare tra i lavoratori! Senza i sindacati dovremmo sottostare alla selvaggia legge del mercato che in un paese con alta disoccupazione giovanile porterebbe all’ignobile riduzione degli stipendi sia dei giovani che dei vecchi, meno produttivi, impiegati, e che intanto formerebbe perverse menti votate al profitto personale ed all’egoismo, per cui all’interno degli stessi lavoratori non ci sarebbe un briciolo di spirito di solidarietà che protegga i colleghi economicamente più svantaggiati.

Eh sì, meno male che ci sono i Sindacati a sistemare tutto! Per rendersi conto di questa INELUDIBILE verità basta pensare alla GENIALE proposta dei nostri eroi in sede di rinnovo del Contratto Nazionale del settore bancario.

Continua a leggere l’articolo

Milk Wars: l’Impero Colpisce Ancora

March 25th, 2011 by Leonardo

-

di Silvano, IHC

 

Non c’è da essere molto ottimisti quando l’incremento di una partecipazione azionaria in una azienda alimentare diventa motivo sufficiente per convocare l’ambasciatore di uno Stato confinante. È molto tempo ormai che il Ministro dell’Economia Tremonti procura ad intervalli più o meno regolari gioie ai neomercantilisti di destra riscuotendo una tacita approvazione dai veterosocialisti di sinistra. Ma la ciliegina sulla torta ce la mette in data 19 marzo Il Sole 24 Ore, giornale confindustriale par excellence, con una staffetta di articoli sulla protezione delle imprese espressione degli “interessi nazionali” (nozione alquanto dilatata, visto che le vicende recenti non coinvolgono Alenia o Finmeccanica ma di Bulgari e Parmalat). Spicca su tutti il fondo di Plateroti “Cosi si può giocare ad armi pari”, pezzo denso della più bieca, trita e vomitevole retorica nazionalista in cui le tematiche economiche vengono affrontate ricorrendo ad analogie di importazione militare e piratesca. Compaiono nell’ordine le seguenti espressioni: “imprese strategiche”, “difesa dell’economia”, “mantenere alta l’attenzione sul proprio territorio”, “scongiurare le scorribande”, “lo scudo dell’interesse nazionale”, “resistere all’attacco” e per non annoiare ulteriormente mi fermo qui, perché l’ultimo virgolettato è soltanto a metà dell’articolo.

Continua a leggere l’articolo

Basta Bischereggiare con gli Indici (e con i Soldi)!

January 12th, 2011 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

 

Siccome in Italia sta andando a scatenarsi una lotta tra fazioni per accaparrarsi quel che rimane dei fondi pubblici, e siccome è partita una violenta protesta delle fazioni che si sono già viste tagliare i fondi dello Stato in nome di una (a voce bassa) austerità necessaria per non esporre il Belpaese ad attacchi speculativi, cosa c’è di meglio che impiegare altre risorse (uomini e soldi) nella ricerca della “formula del Benessere equo e sostenibile”? La politica non cambierà mai…

È una notizia del 27 dicembre: Marzano, presidente del CNEL, e Giovannini, presidente dell’ISTAT, costituiranno un gruppo di lavoro composto da “rappresentanze delle parti sociali” (cioè né da me né da nessuno di vuoi che leggete IHC) per elaborare una serie di indicatori che affiancati al PIL rendano una misura del “Benessere equo e sostenibile.

Mi fanno ridere.

Continua a leggere l’articolo

Natura, Cultura, e Sciocche Contrapposizioni

January 10th, 2011 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

Ho letto un commento di Vernon L. Smith sull’Azione Umana di Mises (“Riflessioni sull’azione umana, cinquant’anni dopo”). Sono stupito dalla densità di spunti di riflessione profonda che se ne possono ricavare, e della capacità di farmi rivalutare la ricerca comportamentalistica in economia.

Dovrei sicuramente sciropparmi “La razionalità nell’economia” (il dott. Monsurrò lo ha definito “L’Azione Umana del XXI secolo”), ma più modestamente per ora farò qualche riflessione estrapolando brevi passi dall’articolo citato.

Continua a leggere l’articolo

Emigrati ed Esiliati della Moneta

December 6th, 2010 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

 

Il 28 giugno scorso ho letto sulla Repubblica un paio di articoli riguardanti l’immigrazione rumena. Essenzialmente si evidenziava che esiste ormai una specie di flusso circolare con l’Italia: tanti arrivano – tanti vanno. In massima parte il progetto di emigrazione è temporaneo, i rumeni (dice un articolo) pianificano un certo periodo all’estero (in Italia, nel caso), dove lavorando accumulano denaro per sé e inviano rimesse ai familiari in Romania, per poi tornarsene in patria e lì mantenersi con una propria attività un certo tenore di vita.

Uno pensa: quelli che rientrano per completare questo progetto di vita vengono sostituiti da nuove generazioni di intraprendenti, da cui il flusso circolare. Invece no: parte di chi viene in Italia sono precedenti “pionieri” che hanno scoperto di non poter più vivere in Romania, e il problema sta nel livello dei prezzi romeni!

Continua a leggere l’articolo