Clicca qui per Opzioni Avanzate


Comunicato ai Mercati (Un po’ di Humour)

May 20th, 2010 by Leonardo

-

 

di Silvano IHC e Leonardo IHC


Questa è la Versione Unica Ufficiale Aziendal-Ministeriale. Non rompete i gabbazizi insinuando dubbi sul personale.

Il DJ ha fatto un -10% in un secondo per un errore di ortografia. Punto. Non c’è niente da aggiungere.

Ovviamente un candlestick a martello di 100 e passa punti sul mercato più capitalizzato del mondo sarà ignorato da tutti i sistemi di trading perché la SEC sorveglia. Il problema non deriva dal settore governativo, né da quello bancario. Il tasso di risparmio interno ci pone al riparo dai creditori esteri.

Il Ministero dell’economia ha già pronto il Decreto Pariepatta con cui il risparmio dei cittadini residenti si incontrerà con il pubblico debito. Per la regola della partita doppia il saldo si azzera e le due voci si stornano. Non è default, è una regola contabile vecchia di mille anni.

Per i residenti esteri l’appuntamento è fissato al Café des Insolvents, Avenue Haussmann, di fronte alla sede di Lazard (portarsi la moka, grazie). I ministri delle finanze di tutta la UE sono già in riunione; seguirà alle 15.00 dalle Antille Olandesi il comunicato ufficiale del Presidente Barroso per tranquillizzare i mercati.


Ossequi & NoPanic


2 Responses to “Comunicato ai Mercati (Un po’ di Humour)”

  1. 1

    Strababaus Says

    Non so cosa abbiate assunto ma colgo l’occasione per condividere un opinione e per farvi sentire che vi seguo come una groupie.
    “cui il risparmio dei cittadini residenti si incontrerà con il pubblico debito”
    Ultimamente ho sentito molti politici (e ahimè anche DeBortoli) ripetere che l’Italia è messa meglio degli altri perchè ha un alto tasso di risparmio privato.
    Sì vabbè che cazzo c’entrano i miei risparmi con l’Italia?
    Scusate il linguaggio.

  2. 2

    Leonardo, IHC Says

    Secondo me meno di un cazzo, tanto per stare in tema; prova a cercare un vecchio pezzo sul “pannolone pieno” dell’Italia qui su IHC, ad esempio.
    Però l’Italia non è, prospetticamente, messa peggio degli altri in termini di debito pubblico (e limitatamente a questo), anzi il contrario.
    Di più nelle prossime puntate sempre su questo sito.

    Stay Tuned!
    (e grazie)

Aggiungi un tuo Commento