Clicca qui per Opzioni Avanzate


Lettera di uno Speculatore a Trichet

August 29th, 2011 by Leonardo

-

di Leonardo, IHC

 

Carissimo ms Jean Claude Trichet,

 

            io sono quel che volgarmente viene definito uno speculatore. Ebbene sì, io sono tra coloro che “giocano” nelle Borse di tutta Europa – anzi, di tutto il mondo – comprando e vendendo titoli; assieme ai miei colleghi faccio muovere i capitali su e giù tra un mercato e l’altro, o tra un mercato e un conto corrente come ultimamente mi chiedono i clienti e come pure a me pare opportuno fare. Sì, sono tra coloro che hanno fatto pressione al ribasso sui titoli di Stato e bancari di quasi tutta Europa, con giusto un minimo di occhio di favore, se così si può dire, per i titoli italiani. Su questi ultimi in particolare ero fortissimamente esposto, e proprio in relazione a questi Le invio questa lettera, il cui messaggio finale potrei riassumere con un semplice “grazie”.

 

  

Adesso Le dico tutto. Tra investimenti speculativi, personali e per conto di miei clienti, mi sono trovato “lungo” (cioè detenevo) circa 20 miliardi di euro di BTP. Avendo questi un rendimento un po’ superiore alla media ma essendo comunque relativi a un paese che, chissà come, riesce sempre a salvarsi per il rotto della cuffia da una bancarotta, l’investimento sembrava buono in termini dei miei target di rischio/rendimento. Purtroppo si sono verificate una serie di coincidenze, come lei ben sa: la crisi greca ha rivelato che i politici europei non sono in grado di organizzare una scampagnata sotto la Spitzgebirge, figuriamoci un intervento coordinato per il controllo del debito pubblico; il PIL non tira, e senza quello niente entrate fiscali; last but not least il rating USA è stato tagliato. Lei dovrebbe capire che in tali situazioni l’esposizione in bond italiani è cominciata a diventare pesante, quindi un alleggerimento ci stava tutto. I clienti sono diventati nervosi, hanno cominciato a riscattare le loro posizioni, e rapidissimamente questo ha dato luogo a una disordinata fuga dai vari fondi di investimento. Si stanno salvando solo i titoli belgi solo per il fatto che, restando a lungo senza Governo, al Belgio manca un soggetto che decida nuove spese e poi si scopra incapace di gestirle – ma purtroppo si tratta di un mercato relativamente piccolo. Inoltre la tecnica delle vendite allo scoperto, il famoso short selling come viene chiamato ora, non serviva a niente perché non si trattava di fare un po’ di tira e molla su tre giorni di Borsa, bensì di procedere a vendite vere e proprie (come sa anche Lei, lo short selling copriva solo un 2% delle operazioni in corso).

Lo ha visto anche Lei: i fondi USA ed europei sono stati costretti a liquidare velocemente parte degli impieghi per fronteggiare le richieste di liquidazione dei clienti, e per fare le cose velocemente ed a un prezzo relativamente congruo hanno privilegiato l’operatività su mercati particolarmente liquidi, cioè ben funzionanti, come quello dei titoli di Stato italiani (grandi maestri nella gestione dell’obbligazionario!). La pressione è stata crescente, in tempi stretti, ed io mi sono trovato sorpreso in questa spirale discendente dei corsi, con la mia posizione lunga in BTP che andava svilendosi velocissimamente.

Ms Trichet, ero disperato. Venivo da tutti accusato di far parte di una schiera di delinquenti che stava per far fallire l’Italia, con i prezzi dei BTP che scendevano ed il loro differenziale con i Bund che di conseguenza saliva; eppure io me ne stavo lì a calcolare quasi ora per ora le perdite che avrei subito per i disinvestimenti che alla fine ero comunque costretto a fare – Lei conosce le regole del mio duro lavoro di “mastino della disciplina fiscale”: dobbiamo tenere un certo livello medio di rischiosità del portafoglio misurato dalla sua composizione per rating – il che dovrebbe creare di per sé pressioni sui Governi perché gestiscano meglio le loro finanze; lo scherzo di S&P sugli USA ha tutto di un colpo abbassato la qualità dei miei impieghi costringendomi a liquidare le esposizioni “peggiori” (questo è il meccanismo sanzionatorio della nostra “disciplina”, ben evidenziato nei lavori preliminari per la costruzione dell’Euro, come Lei ben ricorda) tra cui quella in BTP in cui ero particolarmente esposto. L’Italia in fondo se lo meritava pure. Be’, un po’ a mia volta meritavo pure questa situazione: ho giocato con il fuoco molte volte; ho goduto molto degli alti tassi greci e mi sono liberato appena in tempo di quei titoli, ma stavolta ho sbagliato, e avrei potuto pagare un conto molto salato. In fondo questa è l’etica del mio lavoro: rischiare molto per guadagnare molto, e se non ci fossero pericoli veri niente di quel che faccio avrebbe valore; non di meno è dura accettare una punizione per i propri errori, per quanto meritata.

Ma poi è arrivato Lei, come il raggio di sole che annuncia la fine della tempesta! Lei, con quella fantastica trovata di acquistare i titoli spagnoli e italiani! Oh, Jean – posso chiamarla così? – è stato veramente un colpo di classe entrare così sul mercato, in barba all’etica, ad un mucchio di regole ed a propositi di rigore fiscale, e comprarsi tutta in una volta quella valanga di merd che avevo in portafoglio. Quando ho sentito che la BCE sarebbe entrata nel mercato per “combattere” la speculazione ho sentito un brivido, ho temuto che stavolta sarebbe stato fatto qualcosa per bloccare il mercato; invece era l’annuncio che la BCE avrebbe creato una domanda aggiuntiva di titoli allora sotto pressione tra cui i miei BTP! “Gioia!” come canta l’inno della nostra UE!

Con la scusa di far scendere il differenziale con i Bund, Lei ha fatto pressione al rialzo sul prezzo dei BTP, ne ha sostenuto il corso, ne ha impedito un crollo ulteriore e poi li ha riportati un po’ su. Noi speculatori abbiamo allora potuto contare nella Sua tasca profonda per poter alleggerire i nostri portafogli senza rischiare di vendere a prezzi decrescenti, cioè senza rischiare di incorrere in perdite. Ah, le gioie della “moneta creata dal nulla”! E così io, come tanti altri cari colleghi, Le ho venduto i miei 20 miliardi di euro di BTP ad un prezzo che mi consentiva ancora di spillarci un utile, trovando così la liquidità che mi serviva, e pure ristrutturando tutto il portafoglio “sbolognando” la parte superflua – e comunque rischiosa – alla sua Banca. Lei, Governatore, mi ha letteralmente salvato, alla faccia di tutti quelli che (ufficialmente almeno) denigrano e disprezzano il mio lavoro di speculatore. Ms Jean, se Lei non ci fosse, andrebbe inventato!

Adesso sono tranquillo sul fronte italiano; anche alcuni miei colleghi la ringraziano per il supporto che ha dato e che ancora darà nei prossimi giorni perché si tolgano dai portafogli un po’ di BTP a un prezzo ancora buono. Per qualcuno Lei non ha fatto altro che darci liquidità allo stesso modo in cui ne ha fornita alle banche dopo quel pasticcio dei Subprime – noi sappiamo quanto i Subprime siano solo un paravento per la montagna di prestiti sconsideratamente concessi a tutte le categorie – e così come con quella scusa ha concesso liquidità a sconto alle banche che avevano sbagliato a dar prestiti, adesso con la scusa di contrastare la speculazione ha concesso liquidità a noi – che avevamo scommesso sui “cavalli” sbagliati – comprando “a premio” un po’ di titoli. Ma sia tranquillo, tutti la stimiamo per questo.

E la cosa ancor più eccezionale è che con questa mossa ha coagulato il consenso dell’intera opinione pubblica! Lei è eccezionale mon ami: dire di combattere la speculazione, invece foraggiarla, e prendersi pure gli applausi. Dobbiamo organizzare un meeting quanto prima; mi prometta che verrà!

Bene, adesso La lascio al suo delicato lavoro. Colgo solo l’occasione per ricordarLe che alcuni miei amici stanno cominciando ad avere qualche grattacapo anche su altri titoli europei (per rispetto a Lei non indico i paesi in lista), e comunque non tutti si sono completamente alleggeriti del tutto sui BTP e i Bonos; contiamo ancora sul suo prezioso aiuto.

 

Buon lavoro, e ancora grazie dei soldi.

 

Con affetto e stima

Divo della Specula


7 Responses to “Lettera di uno Speculatore a Trichet”

  1. 1

    Giuseppe D'Andrea Says

    Che grande Coup de teatre!

    Mentre tutti si affannano a trovare i colpevoli, nessuno guarda i bari dei governi e della BCE, che con le loro politiche stanno volatilizzando sempre più il mercato, nel prossimo gioco di prestigio . Non so per quanto possiamo continuare con questi giochetti, di certo gli investitori dovrebbero pensare a condensare questi soldi “fantasma” che la BCE ha gentilmente concesso, prima che si smaterializzino.

    Occhio alla lince e poco cazzeggio.

  2. 2

    Leonardo Says

    Giuseppe, ma sei sicuro che non lo stiamo già facendo? Sai cosa accade in svizzera?

  3. 3

    Giuseppe D'Andrea Says

    il mio era un consiglio retorico 😀

  4. 4

    giorgio Says

    ma quando vi saranno le elezioni in US e probabilmente vincerano i Repubblicani fortemente influenzati dai TEA PARTY cosa succedera’ all’economia non solo quells Americana .
    io credo che vi sara’ se non succede prima – finalmente – una rivoluzione di sistema con catene di fallimenti in tutta l’area occidentale e si concretizzera’ una sana depressione che servira a depurare tutta la merda che si e’ creata a tutti i livelli nei cosi chiamati Paesi sviluppati.Sempre se non scoppia una guerra prima.

  5. 5

    Leonardo, IHC Says

    Una profezia o una speranza?

  6. 6

    Flavio Says

    No, no, fermi tutti.
    Non fatevi prendere dai deliri nicciani sulla creazione post-distruzione, o dall’idea di una purga per tutti.
    Basta cominciare con una bella separazione tra banche ordinarie e banche d’affari, per stabilire selettivamente chi lasciar fallire e chi tutelare (legge Glass-Steagall).

    Poi si ripartirà a finanziare ad alta intensità di capitali nell’economia fisica, cioé nella scienza, come nei favolosi anni del boom economico.

  7. 7

    Leonardo, IHC Says

    il Glass-Steagall è semplicemente inutile. Far diventare un trasferimento di fondi da ramo a ramo un trasferimento da banca a banca non cambia niente nell’economia.

Aggiungi un tuo Commento